lunedì 11 settembre 2017

Recensione: The Mission di Matteo Porru

Quest'estate a Cagliari, presso la libreria Cocco, mi è stato presentato un libro fantastico edito da Edizioni La Zattera, di cui non vedo l'ora di parlarvi.



Trama.
C’è un uomo che passeggia sul Gianicolo,fischiettando. Roma si trucca allo specchio,stanca,confusa.
Martina ha dieci anni e tutta la vita davanti;Alessio è più calmo,metodico,un sognatore.
Alice è curiosa. Di Virgilio non si sa molto.
Sono quattro bambini che si ritrovano per caso al Bambino Gesù,chi con delle farfalle nello stomaco,chi con delle palle cattive da togliere.
C’è una mascotte a forma di infermiere con le ali che vola in sala operatoria con i bambini,serve per rendere tutto una storiella,come quella di Tigro,dipinto sulle pareti delle camere.
Ma qualcosa non torna.
E’ come se tutti sapessero già come andrà a finire.
Gli adulti pensano che i bambini siano ingenui,ignari di quello che accade ,capaci solo di fantasticare.
Ma lo sanno i grandi che sono loro i primi a fingere,a mascherarsi? E i bambini cosa avrebbero preferito?
Loro cosa avrebbero detto?
Quella risposta nessuno la sa: vaga sola,disperata,senza tomba,fra le strade.
Quattro note echeggiano nella capitale.
Ora è il momento di dire la verità,quella che sanno sempre solo gli altri.
Il tempo è scaduto,il sipario è aperto.
Sono diventati grandi troppo presto,quei bambini. E nessuno ha più voglia di giocare.

La mia opinione.
Raccontare situazioni di questo genere e metterle su carta non è affatto facile.
Ma solo chi conosce questo tipo di momenti,o meglio chi li ha vissuti dal di dentro,sa quanto di vero ci sia in questo libro del giovane Matteo Porru.
Sì perché Matteo giovane lo è davvero,a soli 16 anni è riuscito con intensità,con coraggio e devo dire con molto amore per la vita a tirare fuori questo piccolo gioiello di racconto.
Parlare ,riuscire a raccontare in maniera così coinvolgente di malattie,di ospedali,di bambini malati e del loro sognare un futuro migliore contapposto invece ad una realtà molto dura fanno di questo un libro da conservare con rispetto nel proprio cuore,leggere e rileggere.
Le storie di Martina, Alessio, Alice ignari forse o forse non del tutto di quello che gli sta capitando e quelle invece dei loro genitori coi loro problemi, le sofferenze interiori che si accumulano in quanto consapevoli di ciò che accade ai loro figli  ,i loro dubbi sul fare o non fare quella difficilissima scelta: quella di rivelare o meno la dura verità ai bambini o ,invece, continuare a costruire quel fantasioso castello in aria per egoismo o ,forse, per non voler veder crescere un figlio in maniera così crudelmente repentina; poi lo sforzo stoico dei medici e gli infermieri del reparto oncologico infantile del Bambino Gesù di Roma , nel voler a tutti i costi far sembrare quella cruda realtà una fantastica occasione di svago e divertimento soprattutto per i bambini, ma a volte importante anche per i loro genitori.
Questi e molti altri elementi fanno si che questo libro,un libro di vita ,amore ,morte e speranza vada a finire assolutamente nella libreria di ognuno di noi lettori.
Che altro aggiungere,un plauso a questo giovane scrittore sardo ,appena sedicenne,avrà molta strada da fare ma di questo passo sentiremo ancora parlare di lui e molto…ve lo garantisco!
Vi lascio con un mio pensiero personale:
malgrado i problemi che ogni giorno ci si presentano,tutte le cose non previste o i sacrifici da fare per avere qualcosa , anche poco, ma pur sempre un qualcosa; non piangiamoci addosso, non pensiamo che è tutto brutto, che la vita fa schifo ma VIVIAMO!
Viviamo al meglio delle nostre possibilità, anzi se consentito anche un po’ al di sopra, perché la vita è una sola e questo non ce lo dobbiamo mai dimenticare.

BUONA LETTURA

1 commento:

  1. Ciao, nuova follower; complimenti per il blog; qui la mia ultima recensione pubblicata questa mattina; se ti va ti aspetto da me come lettore/lettrice fisso/a

    https://ioamoilibrieleserietv.blogspot.it/2017/09/recensione-noi-siamo-tutto-nicola-yoon.html

    trovi il blog anche su instagram come: ioamoilibrieleserietv

    grazie

    RispondiElimina