domenica 8 maggio 2016

Recensione: A un passo da te di Emma Hart

Oggi vi parlo di un libro che mi ha toccata nel profondo.Credo che tutte le ragazze, che come me hanno sofferto per amore, debbano leggerlo.
Trama.
Quando Abbi esce dall'istituto dove è stata ricoverata dopo aver tentato il suicidio, desidera solo dimenticare il passato e ricominciare.E a darle forza è il suo sogno, la danza. Vuole essere ammessa alla Juilliard, una delle più prestigiose scuole del mondo, e per farcela dovrà impegnarsi al massimo e non pensare ad altro.
Blake è un giovane inglese che si è trasferito a New York per la stessa ragione: diventare un ballerino è quello che ha promesso a Tori, sua sorella, appena prima che lei si togliesse la vita. E poco gli importa di deludere tutte le aspettative familiari per seguire la sua passione.
Quando Abbi e Blake si incontrano, riconoscono subito, l'uno negli occhi dell'altro, l'ombra di una sofferenza che chiede riscatto. Passo dopo passo, si rendono conto di essere legati, sul palco come nella vita. Ma i fantasmi del passato non lasciano scampo, e per continuare a danzare dovranno trovare il coraggio, chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare dalla musica.

La mia opinione.
Abbi è la protagonista di questo libro. Abbi è la ragazza che per amore si è distrutta, si è annullata,ha rischiato la vita. Abbi è colei che pur di non vedere in faccia la realtà si tagliava, fuggendo dal dolore con altro dolore. Abbi è tutte noi,è anche me.
Si perchè ogni parola che Emma Hart scrive io l'ho vissuta sulla mia stessa pelle, come credo anche molte di voi. Conosco tantissime ragazze che come me e Abbi, sono rimaste accanto ad un ragazzo credendo di salvarlo, credendo che sarebbe cambiato, sopportando umiliazioni e insulti. Ci siamo innamorate come dice Abbi nel libro "Dell'idea della persona che poteva essere, non di chi era veramente".
E poi anche per noi come per Abbi, il dolore è diventato insopportabile e nel bene o nel male abbiamo chiuso. Ma la rinascita è dura. Ed Emma Hart descrive con sensibilità ed emozione quanto sia difficile venire a patti col passato, accettarlo e andare avanti.
                                                       Odio la vecchia Abbi. Odio che gli 
                                                       abbia permesso di rovinarle la vita.
Ma come Emma Hart ci mostrerà nel suo romanzo, una speranza c'è sempre e anche Abbi troverà il coraggio di andare avanti, di inseguire il suo sogno e anche di innamorarsi di nuovo.
Abbi si innamorerà di Blake. Blake è un ragazzo speciale, riconosce la sofferenza di Abbi perchè l'ha già vista negli occhi della sorella Tori. Ma non si ferma al velo di tristezza che la ricopre o alle cicatrici.Vede altro in lei. Vede la forza e la voglia di vivere che possiede.
                                                 Tutto ciò che consideri un difetto , le 
                                                 cicatrici, i tuoi demoni, il buio, è anche ciò 
                                                 che ti rende così bella.
E ha ragione Blake. Non bisogna vergognarsi del passato, degli errori fatti ma imparare da quelli.
Credo sia scontato dire che ho adorato questo libro, perchè non è una semplice storia d'amore, ma è molto di più. Non si ferma al "vissero per sempre felici e contenti" ma parla anche di quelle relazioni sbagliate, che fanno male.
Beh non posso dirvi proprio tutto però. Quindi vi lascio con un ultima frase del libro che mi ha fatta commuovere e spero apprezzerete anche voi.

"Non sembra anche a te che le cose peggiori accadono sempre alle persone migliori?"
"Può darsi" risponde lei"Ma mi piace pensare che sia perché le persone migliori possono affrontare qualunque cosa. Sai, quello che non ti uccide ti fortifica. Spesso non si sa perché succedono certe cose, né quelle buone, né quelle cattive, ma c'è sempre un motivo."












4 commenti: