martedì 9 maggio 2017

Recensione: Un imprevisto chiamato amore di Anna Premoli

Anna Premoli è tornata, eccome se è tornata, con un romanzo che è una boccata d'aria fresca!


Trama.
Jordan ha collezionato una serie di esperienze disastrose con gli uomini. Consapevole di avere una sola caratteristica positiva dalla sua parte, ovvero una bellezza appariscente e indiscutibile, è arrivata a New York intenzionata a darsi da fare per realizzare il suo geniale piano. Il primo vero progetto della sua vita, finora disorganizzata: sposare un medico di successo. Jordan ha studiato la questione in tutte le sue possibili sfaccettature e, preoccupata per le spese da sostenere per la madre malata, si è convinta di poter essere la perfetta terza moglie di un primario benestante piuttosto avanti con gli anni. Ma nel suo piano perfetto non era previsto di svenire, il primo giorno di lavoro nella caffetteria di fronte all’ospedale, ai piedi del dottor Rory Pittman. Ancora specializzando, per niente ricco, molto esigente e tutt’altro che adatto per raggiungere il suo obiettivo...

La mia opinione.
Come vi ho già detto questo romanzo è una boccata d'aria fresca, vi chiederete il perché. Beh, i personaggi di questa bellissima storia non sono perfetti, non c'è nessun riccone misterioso o figlia di papà, commettono errori e non ci sanno fare con i sentimenti, spesso sono davvero comici ma soprattutto UMANI, ed è per questo che li ho adorati. La Premoli, che non sbaglia mai un colpo, questa volta parla di una storia d'amore che nasce tra Jordan, una semplice cameriera in guai finanziari che farebbe di tutto per aiutare la madre e conquistare l'agognata stabilità economica, anche sposare un uomo che non ama, e Rory (non fatevi allarmare dal nome), uno specializzando che non crede nell'amore. Questa coppia un pò stramba ma molto realistica ci insegnerà una cosa importante e cioè che l'amore, quello vero, consiste prima di tutto nell'accettare l'altra persona per quello che è, amare i mille difetti che può avere perché quello che conta davvero è essere felici.
" Chi ama lo deve fare a prescindere dalle aspettative future. Certo, innamorarsi vuol dire anche sognare in grande, specialmente quando si tratta del bene dell'altra persona...Ma io ti posso promettere, Jordan Walsh, che ti amerò qualsiasi cosa tu decida di fare, purché ti renda felice."
Beh, Rory non ci arriverà presto a capirlo e nel frattempo vi farete tante risate!
Ah prima di concludere non posso non rivelarvi una cosa FANTASTICA! Ogni capitolo inizia con una citazione di Colazione da Tiffany!

Nessun commento:

Posta un commento